Seconda sconfitta consecutiva, ora serve la scossa

Arriva la prima batosta per l’Icaro in occasione della quarta giornata del campionato di Serie D dopo la sconfitta clamorosa per meriti avversari ma soprattutto per demeriti dei padroni di casa. Nulla da fare, quindi, contro la Tegola Canadese nessun punto portato a casa.

Non al meglio la condizione di molti componenti della squadra, ci si mette anche di mezzo dopo soli due minuti di gioco l’ennesimo infortunio, questa volta occorso al portiere Zavaglia.

Non bastano, tuttavia, le assenze e gli acciacchi a giustificare una prestazione lontana parente delle prime tre esibizioni viste finora in campionato. Distrazione e scarsa grinta hanno inciso notevolmente ai fini del risultato di gioco, contro una squadra che, seppure forte e ben organizzata, non è apparsa invincibile, tutt’altro a tratti immatura e permissiva, data la giovane età dei componenti.

Molti, moltissimi gli errori in campo: l’atteggiamento disastroso dei giallorossi ha concesso tutti gli spazi possibili e immaginabili agli avversari di Sorbo San Basile che hanno avuto vita fin troppo facile per il tutto il corso della partita.

Avere la strada spianata sin dai primissimi minuti di gioco ha permesso alla Tegola Candese di mettere subito al sicuro il risultato sfruttando le caratteristiche principali dei suoi, fortissimi nella rapidità di esecuzione e nell’uno-due ravvicinato. Nel secondo tempo, a partita oramai decisa, i ragazzi di Sorbo si sono limitati a controllare le distanze per poi ripartire in contropiede, frenando senza troppa difficoltà i pochi attacchi avversari, anche grazie ad una grande prestazione del proprio portiere.

Risultato finale
Icaro 1 – Tegola Canadese 12

Partita senza storia, dunque, dall’inizio alla fine. Disastrosa l’Icaro che torna subito al lavoro per la svolta del prossimo match, necessaria ai fini di un recupero di condizione e mentalità atto a non lasciare più spazio ad eventi dello stesso genere.

I giallorossi devono continuare a lavorare sodo, c’è ancora tanta strada da fare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *